Palmyra,_Syria_-_2

Siria e Medio Oriente argomenti della prima lezione del Corso di geopolitica e relazioni internazionali

Saranno la Siria e il Medio Oriente i due temi che apriranno domani il corso di geopolitica organizzato dalle Acli Provinciali di Cagliari, in collaborazione con Ipsia Sardegna e il Crei Acli.

Docente di questa prima lezione sarà il giornalista Alessandro Aramu, direttore della rivista di geopolitica Spondasud e autore di numerosi volumi sul mondo arabo, il quale parlerà delle origini e degli sviluppi della guerra in Siria, delle sue implicazioni a livello regionale, del pericolo del terrorismo di matrice islamica (con particolare riferimento allo Stato Islamico) e del ruolo dell’informazione in guerra.

Il corso di geopolitica e relazioni internazionali è suddiviso in cinque moduli durante i quali saranno analizzate le principali questioni geopolitiche che interessano Medio-Oriente e Siria; Africa; Palestina; America e Balcani, attraverso strumenti e metodologie che attingono a diversi campi disciplinari e settori professionali.

I docenti che si succederanno volta per volta nei diversi moduli sono professori universitari, ricercatori, giornalisti e professionisti e trasmetteranno efficacemente dati e concetti ad un pubblico di non addetti ai lavori. Il corso in geopolitica e relazioni internazionali, nasce infatti con il proposito di rendere accessibili a tutti argomenti complessi, che non sempre sono oggetto di adeguati approfondimenti da parte dei media italiani.

L’appuntamento è quindi per domani dalle 16 alle 18 nella sede provinciale delle Acli in viale Marconi 4 a Cagliari.

locandina corso geopolitica (2)

 

Per maggiori informazioni: acliprovincialicagliari@gmail.com; 07043039

Condividi

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

ti piace? condividi

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsenti all'uso dei cookie e questo banner scomparirà.
Se vuoi saperne di più e sapere come disabilitare i cookie, clicca qui